Dallo smart working al south working

Indice contenuti dell'articolo

Lo smart working ha cambiato il lavoro: perchè la definizione “south working”?

Nel 2020, lo smart working ha cambiato il mondo del lavoro per la maggior parte di noi e, poco dopo la diffusione dello smart working, in Italia c’è stata un’altra definizione che ha catturato l’attenzione e descritto le vicende del mercato del lavoro: “south working”.

La definizione di “south working” (che vuole intendere il lavorare dal Sud) è arrivata da un gruppo di giovani di Palermo, autori del progetto del Palermo hub di Global Shapers

L’obiettivo originario era studiare il fenomeno del lavoro agile svolto in un luogo diverso da quello del datore di lavoro.
Focus principale è stato il trasferimento/la fuga dei lavoratori e degli studenti fuori sede, rientrati subito dopo la riapertura con la fase 3 nei luoghi di origine.

Smart working & south working: alcuni dati

La tendenza non è solo italiana: secondo il The Economist sarà difficile tornare all’era BC (Before Coronavirus) del lavoro, perché i datori risparmiano sui costi e molti lavoratori apprezzano l’equilibrio tra vita privata ed occupazione: il work life balance.
Secondo il National Bureau of Economic Research americano, lo smart working cambierà il futuro del 40% delle imprese, mentre l’Ansa ha scritto che questa modalità di lavoro “da concessione di qualche azienda smart è diventata l’unico modo per far sopravvivere molte imprese in epoca di lockdown”.

L’idea è quella di mettere in discussione le logiche che hanno portato le menti migliori a dover gravitare attorno a pochi grandi agglomerati urbani, costringendo le stesse aziende a limitare il reclutamento a determinate aree geografiche, vicine alla propria sede.
Parliamo di città congestionate, dove inevitabilmente il prezzo delle abitazioni è stellare e buona parte di quel che si guadagna viene speso per arrivare a fine mese.

Secondo gli ultimi dati Svimez (associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno), in 15 anni, 2 milioni di giovani laureati e lavoratori si sono trasferiti dal Mezzogiorno al nord Italia, con un trend crescente: se nel 2001 i laureati meridionali che emigravano erano il 10,7%, nel 2011 la percentuale è più che raddoppiata, raggiungendo il 25%. Un capitale umano che, con le soluzioni per il lavoro a distanza in una valigia, ora potrebbe rientrare.

Il fenomeno non riguarda solo le aree del Mezzogiorno. Si pensi a realtà lacustri o di montagna o alle tante aree interne soggette, negli anni, ad un progressivo spopolamento.

Cosa accadrà al mercato del lavoro, il giorno in cui il virus sarà debellato?

Se c’è una cosa che la pandemia ci ha insegnato è che la vera innovazione non è dove lavori, ma come lo fai; una nuova consapevolezza a cui si sono arresi, anche i più scettici, che ha portato ad un cambio di prospettiva: la città non è più il fulcro delle nostre attività.

Cosa dovrebbero fare, dunque, questi luoghi che erano prima marginali e sono passati improvvisamente in vantaggio, rispetto alle grandi città svuotate dalla pandemia?

La “connessione veloce”, ovviamente, è un requisito tecnico fondamentale. Ed è una cosa che in Italia, soprattutto nei piccoli comuni, non è affatto garantita.

Per convincere chi è andato via a restare, lavorando a distanza, non basterà la retorica sul contrasto alla fuga dei cervelli: serviranno infrastrutture (soprattutto tecnologiche), scuole, ospedali ed occasioni di socialità.

Il rientro di lavoratori altamente qualificati e con stipendi medio-alti significa, nel breve termine, iniettare liquidità economica ed incrementare i consumi; e nel lungo termine rappresenta anche un forte stimolo agli investimenti in questi luoghi, con un netto miglioramento della condizione dei territori stessi, che possono diventare attrattivi per i talenti italiani e stranieri, alla pari delle regioni o delle città più avanzate.

Le premesse sono incoraggianti ma occorre progettualità nei campi dell’istruzione, della sanità, della connettività, dei trasporti, del Green New Deal.

In poche parole: servono concretezza e realismo per quella che sembra essere una nuova rivoluzione del lavoro post Covid.

Se vi interessa il mondo delle tecnologie e di internet potreste trovare interessanti altri articoli del magazine, come l’articolo: “Internet lento: i nostri consigli“.

Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Risparmia con le nuove offerte!

Scopri le offerte!

Scopri le offerte!

Articoli recenti:

5 Profili Instagram sulla fotografia

Una passione con tanti benefici Instagram è il social perfetto per scoprire, seguire e lasciarsi ispirare… Grazie ad Instagram abbiamo libero accesso a fotografie meravigliose e strabilianti. Ecco dunque delle …

mantenere efficiente la batteria dello smartphone

Meglio prestare attenzione ai consigli dei tecnici Perché dei consigli su come mantenere efficiente la batteria dello smartphone? Gli smartphone sono dispositivi che ormai ci seguono in quasi tutte le …

le migliori app android e iphone

Un mercato enorme Dopo avervi dato un elenco di app dedicate al fitness ed allo sport, eccoci a scrivere un altro breve articolo sulle applicazioni, di una tipologia che vorremmo riproporvi …

Videogiochi da non perdere

Una lista di videogiochi da non perdere Dopo aver parlato delle nuove console next-gen in un articolo dedicato al confronto tra Playstation 5 ed Xbox serie X, abbiamo deciso di scrivere …

Nuove etichette energetiche

Nuove etichette energetiche per elettrodomestici Le nuove etichette energetiche per elettrodomestici sono ufficiali. Dal 1° marzo 2021, con il recepimento delle direttive dell’Unione Europea inizierà l’adozione delle nuove etichette, con …

App utili per fare sport ed allenarsi

L’importanza del fitness Il fitness è importante, lo sappiamo quasi tutti, ed oggi la cultura legata al fitness ,ed agli sport come strumento per il benessere (oltre che come svago/diversivo) …

10 serie tv da non perdere su Netflix

Cataloghi sempre più ricchi Vi è mai capitato di accedere al catalogo Netflix pensando “ho voglia di guardare qualcosa di bello” ritrovandovi poi in pieno blocco da scelta? È una …

L'assistente Amazon in grado di seguirvi

Una line-up di prodotti sempre più ricca Torniamo a parlare dei prodotti Echo perché Amazon ha iniziato a distribuire, anche in Italia, l’Echo Show 10 (l’assistente Amazon in grado di seguirvi, già …

Le migliori piante per migliorare casa ed aria

NON SOLO ARREDAMENTO Sono belle, colorate ed arredano la nostra casa donando, talvolta, anche un tocco esotico. Ma se vi dicessimo che le piante da interno sono in grado di migliorare anche la …

Quale Amazon Echo scegliere

Assistenti vocali e dispositivi dedicati Anche voi vi state chiedendo quale Amazon Echo scegliere? Dopo aver dato un primo spazio alle funzionalità di base degli assistenti vocali, nel nostro articolo dedicato …